Cause anticipo mestruazioni

Polimenorrea

Le cause dell’anticipo delle mestruazioni, anche chiamata polimenorrea, possono essere varie e spesso sono motivo di grande preoccupazione per le donne. Tuttavia nel corso della vita di tutte le donne è possibile avere delle alterazioni, cioè delle irregolarità del ciclo mestruale, e come prima cosa è importante capire cosa significa avere un ciclo irregolare (il consiglio è sempre comunque quello di rivolgersi sempre ad uno endocrinologo, prima di andare su google è cercare Cause anticipo mestruazioni (non fatelo mai, mi raccomando)!

In primo luogo bisogna rispondere alla seguente domanda: quando è possibile dire che un ciclo mestruale è regolare o irregolare?

Molte donne credono di avere il ciclo irregolare se questo non si presenta regolarmente ogni 28 – 30 giorni.
Invece un ciclo mestruale per poter essere definito irregolare deve essere valutato da più punti di vista, in quanto per poter identificare la regolarità del ciclo mestruale ci si deve basare su tre elementi fondamentali:

  1. ritmo
  2. quantità
  3. durata

Il ritmo (o frequenza mestruale) va calcolato contando i giorni compresi fra il primo giorndi una mestruazione e il primo giorno della mestruazione successiva. In media questo intervallo di tempo per la maggior parte delle donne è di 28-30 giorni, ma si considera regolare un ciclo che ha una frequenza abituale compresa tra i 25 e i 35 giorni.

Si parla invece di ritmo irregolare quando ci sono anomalie del ritmo, della quantità e della durata. Una donna ha un ritmo mestruale irregolare quando fra i giorni di inizio di due mestruazioni successive c’è un intervallo inferiore ai 25 giorni e superiore ai 35.

In particolare se il ciclo è superiore a 35 giorni  si parla di oligomenorrea, se il ciclo è inferiore ai 25 giorni si parla di polimenorrea, se il ciclo non si presenta per almeno tre mesi consecutivi si parla di amenorrea.
La quantità del flusso mestruale normale varia tra 35-80 ml. Se i flussi diventano abbondanti e quindi con quantità maggiore di 80 ml, si parla di ipermenorrea o menorragia. Se invece diventano scarsi e di durata ridotta, si parla di ipomenorrea. In media la durata del sanguinamento che si osserva nel corso di una mestruazione varia da 3 a 7 giorni dall’inizio del ciclo.Se il sanguinamento è prolungato oltre i 7-8 giorni si parla dimeno-metrorragia

Un aiuto per capire se il ciclo mestruale è regolare è quello di usare un diario delle mestruazioni in cui annotare le date dei cicli mestruali di tutto l’anno, tenendo presente che si deve segnare sempre il giorno in cui inizia la mestruazione (primo giorno del ciclo), quanti giorni dura la mestruazione, la quantità, e l’eventuale presenza dei dolori (dismenorrea) o di altri disturbi che tipicamente si presentano ogni volta che compare la mestruazione.

Qualora si osservano irregolarità del ciclo riguardo il ritmo, la quantità e la durata, o si osserva la comparsa ,il peggioramento dei dolori mestruali, è opportuno rivolgersi sempre al ginecologo, perché queste alterazioni possono rappresentare un campanello d’allarme che ci segnala delle malattie che comunque se precocemente e opportunamente diagnosticate sono risolvibili con le opportune terapie.

Ma veniamo alle cosiddette cause d’anticipo mestruazioni o polimenorrea.

Una mestruazione che si presenta con un anticipo di almeno 3 giorni è una alterazione relativamente comune. Se il fenomeno è isolato e quindi non si ripete nei cicli successivi, non deve destare troppa preoccupazione. Fattori quali stanchezza e stress possono avere un ruolo determinante.

Diverso il caso in cui il problema tende a ripresentarsi. In questo caso è indicata l’esecuzione di dosaggi ormonali per rilevare eventuali alterazioni dell’asse ipotalamo-ipofisi-ovaio. Frequentemente il problema è legato ad una “insufficienza luteale” ovvero ad una inadeguata produzione di progesterone da parte dell’ovaio nella seconda parte del ciclo mestruale. Altre possibili cause possono essere iperprolattinemia, alterazioni tiroidee ecc.

La terapia sarà mirata alla causa.

Nei casi di insufficienza luteale si somministra (per via orale o vaginale) del progesterone a giorni fissi durante il ciclo per supplire al difetto di produzione. In alternativa l’assunzione di un contraccettivo estro-progestinico che associa anche la capacità di prevenire il concepimento.

Cause anticipo mestruazioni

Cause anticipo mestruazioni

Le informazioni fornite in questo articolo e in tutto il sito hanno il solo scopo di informare, ma non possono in alcuna maniera sostituire la valutazione del medico. Rivolgetevi sempre al vostro medico o endocrinologo di fiducia!

Trackbacks/Pingbacks

  1. Polimenorrea: mestruazioni che vengono in anticipo - Endocrinologo Salerno - […] maggiori informazioni o se avete dubbi sulle cause anticipo mestruazioni chiamate sempre il vostro endocrinologo di […]
  2. Anticipo mestruazioni - Endocrinologo Salerno - […] polimenorrea potrebbe avere numerose cause, ma quella più diffusa è un’alterazione a carico dell’asse […]
  3. Disturbi mestruali - […] Le mestruazioni in anticipo sono un’alterazione del ciclo mestruale. […]
  4. Amenorrea - uninetcom - […] definisce amenorrea l’assenza del flusso […]

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>